pixel

Spiagge di Capri: 8 posti da non perdere

le più belle spiagge di Capri

Per molti, le spiagge di Capri sono un autentico sogno. Un sogno realizzabile: basta soltanto organizzare la propria vacanza. E seguire i consigli di questa guida, che vi permetterà di scoprire i litorali migliori dell’isola.

 

Le spiagge più belle

le spiagge più belle

Bisogna fare una premessa: è difficile stilare una classifica delle spiagge più belle dell’isola perché, inevitabilmente, si rischia di lasciarne fuori qualcuna. Ma, se avete poco tempo a disposizione per visitare l’isola, ci sono quattro posti semplicemente imperdibili che vi regaleranno dei panorami unici:

  • Marina piccola. Ogni anno vengono stilate diverse classifiche delle spiagge più belle d’Italia. Marina Piccola è sempre presente. In questa zona ci sono diverse spiagge di ciottoli. Il colore del mare passa dal verde tenue allo smeraldo intenso. Ci si arriva facilmente a piedi partendo dal centro abitato di Capri.
  • I Faraglioni. Sono il simbolo di tutta l’isola. Dal belvedere di punta Tragara, un sentiero arriva fino alla base della scogliera. Qui ci sono stabilimenti privati e la costa è rocciosa. Farete il bagno in un mare da cartolina e ammirando i celebri Faraglioni.
  • La spiaggia di Gradola. La Grotta azzurra, nel comune di Anacapri, non avrebbe nemmeno bisogno di presentazioni ed è tra le cose da vedere a Capri. Nei pressi della grotta si trova la spiaggia di Gradola. È una spiaggia di scogli molto piccola ma il mare è di un colore azzurro che non dimenticherete tanto facilmente.
  • Cala Ventroso. Spettacolare è l’aggettivo che meglio descrive questa spiaggia. Cala Ventroso si trova tra il faro e Marina piccola. Le aspre scogliere della zona circondano questa stretta spiaggia di scogli e ciottoli. Può essere raggiunta solo via mare. Nelle vicinanze si trovano alcune famose grotte dell’isola, come la Grotta dello champagne e la Grotta verde (anche conosciuta come grotta dei Turchi).

 

Le spiagge di sabbia

Capri: le spiagge di sabbia

La costa di Capri è, in buona parte, rocciosa e frastagliata e non ci sono spiagge strettamente di sabbia. Non mancano comunque occasioni per sdraiarsi su spiagge più “comode”, fatte di piccoli ciottoli levigati. Le principali sono queste tre:

  • Marina grande. È la spiaggia più grande di Capri, quella che offre il maggior numero di servizi e, di conseguenza, la più affollata. Il suo litorale è circondato da promontori ricoperti di vegetazione. Il mare è di un brillante colore turchese. È consigliata per chi sta trascorrendo una vacanza con i bambini.
  • Palazzo a mare. È una spiaggetta di ghiaia scura che si trova lungo la parte settentrionale dell’isola di Capri. È famosa, oltre che per la sua bellezza, per un altro motivo: nelle vicinanze ci sono i resti di porti, acquari e strutture risalenti all’epoca dell’Antica Roma.
  • Torre Saracena. Una piccolissima ma stupenda spiaggia che si trova a poca distanza da Marina piccola. Ospita l’omonimo stabilimento balneare.

 

Le spiagge libere

Capri: le spiagge libere

  • A Marina piccola ci sono due spiaggette libere: si trovano entrambe ai lati dello Scoglio delle sirene.
  • Anche Marina grande e la vicina spiaggia di Palazzo a mare hanno delle parti libere e, come già detto, sono adatte per far giocare i bambini.
  • Il faro di punta Carena è una delle zone più amate dagli abitanti dell’isola di Capri. Alla destra dal faro c’è una piccola spiaggia libera. Questa zona ha una peculiarità: è l’unica spiaggia di Capri dove il sole tramonta a mare.

Bisogna sempre tener presente un particolare: tutte le spiagge di Capri sono molto piccole, data la particolare conformazione della costa caprese, e le spiagge libere, così come quelle occupate da stabilimenti balneari, non fanno eccezione.

 

Questa guida vi permetterà di trovare, tra le spiagge di Capri, quella che fa per voi: che preferiate la sabbia o gli scogli, che il vostro desiderio sia rilassarvi o trovare dei posti poco conosciuti, non vi resta che scegliere. E sapere come arrivare a Capri.

 

Immagini:
Flickr.com/photos/laurelheske
Flickr.com/photos/brad-darren
Flickr.com/photos/dr_tr