pixel

Scoprire tutta la bellezza di Capri in primavera: ci sono 3 cose da fare

capri-in-primavera

 

Le temperature che ritornano piacevoli, le giornate che si allungano, il tempo che migliora. In poche parole: primavera. Insieme alla natura, si risveglia anche la voglia di concedersi un viaggio. La vostra destinazione sarà Capri? Allora, ci sono tre cose che dovete assolutamente fare durante questa visita a una delle isole più belle del Mediterraneo.

 

1. Il giro dei posti più belli dell’isola

Capri è rinomata proprio per la sua bellezza: il mare, la costa, i pittoreschi centri abitanti, le grotte (come la celebre Grotta azzurra, che non avrebbe nemmeno bisogno di presentazioni). Una bellezza da scoprire durante questa vacanza in primavera, indipendentemente dai giorni che avete a disposizione.

Come riuscirci? Basta seguire questo itinerario in dieci tappe che vi permetterà di vedere i posti più belli dell’isola di Capri. Come la già citata Grotta azzurra, il Parco filosofico, i celebri Faraglioni, villa Jovis. V’innamorerete di un’isola che non smette mai di stupire.

 

2. I percorsi

Sono due, per la precisione, entrambi abbastanza semplici. Ed entrambi vi regaleranno dei panorami semplicemente mozzafiato.

  • Il primo è il sentiero dei Fortini. Un percorso diviso in tre tappe: fortino di Orrico, fortino di Mesola e fortino di Pino. Tutti e tre si trovano affacciati su spettacolari scorci, tra i profumi del mare e della macchia mediterranea.
  • Il secondo è il sentiero del Passetiello. Un tempo, era un’impervia mulattiera usata dai cacciatori di Capri per raggiungere il monte Solaro. Dalla cima del monte, potrete abbracciare tutta l’isola con lo sguardo.

 

3. Percorrere la Scala Fenicia

Fu costruita per opera dei Greci tra il VII e il VI secolo a.C. La Scala Fenicia è un punto di connessione tra Marina Grande, nel comune di Capri, e il comune di Anacapri. Lunga quasi mille gradini (971 per la precisione), un tempo era l’unico collegamento tra Capri e Anacapri. Salendo, si possono scoprire la cappella di Sant’Antonio, la cappella di San Michele, la villa di San Michele.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/boklm