pixel

Capri: 5 ottimi motivi per visitare l’isola dei Faraglioni a settembre

Capri a settembre

 

Si dice che un’immagine valga più di mille parole. Verissimo, almeno in questo caso. Perché la foto qui sopra ritrae Capri ed è stata scattata nel mese di settembre. Avete davvero bisogno di qualche altra ragione per organizzare la vacanza?

Se la risposta è sì, abbiamo cinque (ulteriori) ottimi motivi che vi convinceranno a prenotare il traghetto e partire.

  1. Temperature. Provate a chiedere quali sono i periodi migliori per visitare Capri a chi c’è stato prima di voi. State certi che le risposte saranno sempre le stesse: aprile-maggio e settembre. A settembre le temperature vanno da una minima di 16°C a una massima di 29°C. Temperature semplicemente ideali.
  2. Tranquillità. Come potrete facilmente immaginare, Capri registra il maggiore afflusso turistico tra luglio e agosto. Invece a settembre avrete la sensazione che l’isola sia tutta per voi. Soprattutto di sera, quando le gite giornaliere ripartono verso la terraferma.
  3. Spiagge e passeggiate. Poca folla e temperature piacevoli significano una cosa ben precisa: avrete tutto il necessario per vedere le spiagge più belle e girare per l’isola. La stessa Capri, in un certo senso, vi sembrerà “diversa” rispetto ai mesi di luglio e agosto. Provare per credere.
  4. Panorami. Monte Solaro, belvedere di Migliera, castello Barbarossa, Scala fenicia e faro di punta Carena sono i cinque migliori punti panoramici di Capri: spettacolari di giorno, intimi e romantici al tramonto. A settembre, quando c’è poca confusione, diventano ancora più speciali.
  5. Risparmio. L’ultimo (ma non per importanza) dei motivi per visitare Capri a settembre. L’alta stagione è finita oppure è davvero agli sgoccioli. Questo significa che tutto costerà meno: alberghi, locali, negozi, ristoranti, trattorie, lidi balneari, escursioni in barca. Inoltre è possibile trovare delle buone offerte, sia per il viaggio sia per il pernottamento. Un’occasione da non lasciarsi scappare.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/laurelheske