pixel

Itinerario per visitare Ischia: ecco cosa vedere in 2 giorni

ischia-due-giorni

Per chi ha solo un weekend a disposizione e desidera vedere uno dei posti più belli della nostra penisola, ecco cosa vedere a Ischia in due giorni, consigli pratici per non perdersi il meglio dell’isola. L’itinerario è possibile farlo in qualunque periodo perché l’isola gode di un clima temperato durante tutto l’anno.

 

1° giorno

  • Mattina: arrivati a Ischia dal porto si consiglia una passeggiata tra le tipiche casette bianche di Ischia Ponte, un borgo fatto di palazzi e chiese, vicoli e balconate, scale e giardini. Qui si nota il contrasto tra architettura nobile e povera, con le case addossate e le tipiche abitazioni ad arco dei pescatori. Lì vicino si erge il magnifico Castello Aragonese, una fortezza del ‘400 che racchiude al suo interno carcere, chiese e giardini: il simbolo dell’isola di Ischia.
  • Pomeriggio: tra le cose da fare a Ischia in due giorni non può mancare una visita ai Giardini Termali di Poseidon: un parco dentro la baia di Citara composto da venti piscine termali con la temperatura dell’acqua che va dai 16 ai 40°C. Per un pomeriggio di totale relax.
  • Sera: per gli amanti delle serate movimentate a Ischia c’è solo l’imbarazzo della scelta. Si può iniziare con un aperitivo a Ischia Porto e poi si può scegliere tra i numerosi locali, pub e discoteche dell’isola. Provate la Riva Destra o la Piazzetta dei Pini di Ischia Porto.

 

2° giorno

  • Mattina: da inserire tra le cose da vedere a Ischia in due giorni c’è senz’altro Forio, il comune più grande dell’isola. Attraversate Piazza San Gaetano, il salotto della città, e passeggiate tra i vicoli e le stradine attorno ai sei torrioni, costruiti per avvistare i nemici da lontano. Se avanza tempo, Lacco Ameno è la seconda tappa consigliata, dove fu fondata la prima colonia ella Magna Grecia.
  • Pomeriggio: per entrare a stretto contatto con la cultura e le tradizioni ischitane, si deve visitare Sant’Angelo, il luogo più pittoresco dell’isola, con l’accesso vietato alle auto. È un isolotto alto 106 metri e collegato all’isola di Ischia da un istmo lungo 120 metri. Prima di lasciare l’isola tappa obbligata sono le vie dello shopping, per tornare a casa con le famose ceramiche dell’isola o una bottiglia del buonissimo limoncello, nel borgo di Ischia Ponte, tra Via Roma e Corso Vittoria Colonna.
  • Sera: una cena romantica in riva al mare è il modo migliore per salutare Ischia. A Forio ci sono molti ristoranti romantici dove gustare il pesce fresco (da provare i cicinielli, il polpo, i totani). Oppure si può optare per la pizza, Ischia è pur sempre in provincia di Napoli.

 

L’itinerario è pronto, Ischia aspetta i suoi visitatori con tutta l’accoglienza tipica della sua gente. Ora non resta che organizzare il viaggio scegliendo come raggiungere l’isola.