pixel

Scoprire “Ischia sottomarina”: immersione alla secca delle Formiche

  • pubblicato: 27 settembre 2016
  • categoria: Cose da fare
  • tag:

immersione secca Formiche Ischia

 

Già sapete quant’è bella l’isola di Ischia. Nel vostro caso, dal momento che in valigia non mancano mai muta e maschera, vacanza è sinonimo di immersioni. E uno dei dive site più belli dell’isola è la secca delle Formiche.

  1. Si parte in barca da Ischia e ci si dirige verso la piccola isoletta di Vivara. Una volta raggiunta la boa e ancorata la barca, guardate l’acqua limpida: noterete una grande massa rocciosa sommersa, ricca di grotte e archi naturali, che si staglia sul fondale sabbioso. La profondità varia dai quattro ai 18 metri.
  2. Partendo dalla boa, un primo percorso porta verso un’ampia grotta. Dopo averla percorsa tutta, si arriva in una sorta di grande sala sottomarina illuminata dalla luce che arriva da un largo foro posto in alto.
  3. Un secondo percorso porta verso altre due grotte. La prima è molto piccola e con fondale sabbioso. L’altra grotta è più profonda e ha una peculiare forma quadrata, tanto da sembrare opera dell’uomo: la credenza popolare vuole che, in tempi remoti, questa parte della secca fosse emersa e abitata.
  4. Scendendo lungo le pareti rocciose del confine della secca, si trovano diversi anfratti ricchi di vita e uno spettacolare arco. In particolare, in fondo all’arco ci sono un vasto pozzo e diversi passaggi laterali che rappresentano degli ottimi punti per fare delle splendide foto.
  5. La secca si sviluppa sul fondo sabbioso come se fosse una sorta di gigantesca mano. Seguendone i confini, è possibile trovare un’infinità di altri percorsi.

Anche se la profondità non è proibitiva, questa immersione è ad appannaggio dei diver più esperti visto che molti percorsi si svolgono all’interno di cavità spesso abbastanza anguste: siate sempre prudenti e, se non conoscete bene la zona, affidatevi a un diving center.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/gianfrancogoria