pixel

Ischia: l’origine del nome di una delle più belle isole del golfo di Napoli

Ischia origine del nome

 

Basta sentire solo il nome per evocare una storia antica, spiagge da sogno, una natura da esplorare, piccoli e pittoreschi paesini che si affacciano sul mare. E, a proposito del nome dell’isola di Ischia: sapete qual è la sua origine?

  • Pithecusa. Gli antichi Greci chiamarono l’isola Pithekoussai. Ancora oggi, l’origine di questo nome è incerta. Secondo una prima versione, deriverebbe da pithekos, “scimmia”: il riferimento è al mito dei Cercopi, che abitavano le isole flegree e furono trasformati da Zeus in cercopitechi. Per una seconda teoria, Pithekoussai deriverebbe da pythos, “anfora”: sull’isola era molto florida la produzione di ceramiche e in particolare di anfore da vino (come dimostrano i reperti rinvenuti nel golfo di Napoli).
  • Iscla. Questo è il nome che compare in una lettera che papa Leone III inviò nel 1812 all’imperatore Carlo Magno. Con questa missiva, il papa volle avvertire l’imperatore che “Quei nefandi Mauri sono arrivati sull’isola, che è chiamata Iscla maiore, non lontana dalla città di Napoli”. A sua volta, l’origine del nome Iscla è incerta.
  • Aenaria. Era il nome di un florido porto romano attivo nel IV secolo a.C. Snodo commerciale di grande importanza strategica, doveva essere legato alla lavorazione dei metalli. Aenaria, nome con il quale i latini indicavano l’intera isola, probabilmente sorgeva tra il Castello aragonese e gli scogli di Sant’Anna

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/12265657@N04