pixel

Itinerari per visitare Ischia: 4 tappe per scoprire l’isola aragonese

itinerari Ischia: l’isola aragonese

 

Il Castello Aragonese è uno dei posti più belli di Ischia. E, in un certo senso, potrebbe essere considerato un po’ il simbolo di questo itinerario. Che, in quattro tappe, vi permetterà di scoprire l’anima aragonese di questa splendida isola del golfo di Napoli.

 

La storia

Per una curiosa coincidenza, la storia della dinastia aragonese cominciò e terminò a Ischia. Da qui partì Alfonso d’Aragona il Magnanimo per conquistare il Regno di Napoli (entrò nella città nel febbraio del 1443). Sempre da qui Don Federico, l’ultimo re aragonese, partì in volontario esilio verso la Provenza, nel 1502.

In questo periodo, la dinastia aragonese ha lasciato diverse inestimabili testimonianze in tutta l’isola di Ischia.

 

L’itinerario

  1. Castello aragonese. La prima tappa dell’itinerario non poteva che essere uno dei simboli dell’isola di Ischia. Sulla sommità si erge il maschio o palazzo reale, ampliato sul modello del palazzo reale di Napoli. Impressionanti risultano le imponenti mura di cinta e l’ingresso scavato nella roccia. Alla dominazione aragonese si devono anche le torri di avvistamento e ricovero, vero fulcro del sistema difensivo del castello. Mentre la cupola, subito visibile, è quella della chiesa dell’Immacolata.
  2. Cattedrale di Santa Maria Assunta. Si trova a Ischia Ponte. Fatta costruire nel 1300 da Carlo d’Angiò, la parte più suggestiva della costruzione è senza dubbio la cripta con affreschi risalenti all’epoca di Giotto.
  3. Lacco Ameno. La torre di Monte Vico era ancora funzionante alla fine del 1700. Dotata di merlature di difesa e di cannoni, si trova nel punto dove gli antichi Greci fondarono la colonia di Pithecusa.
  4. Monte Epomeo. Sulla cima più alta di Ischia, gli aragonesi avevano predisposto una struttura militare che permetteva ai soldati di intervenire tempestivamente in qualsiasi punto dell’isola in caso di attacchi nemici provenienti dal mare.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/ziamimi