pixel

I limoni di Procida: scoprire uno dei prodotti tipici dell’isola di Arturo

i limoni di Procida

 

Se Procida viene anche conosciuta con il soprannome di “isola dei limoni”, ci deve essere un buon motivo. Un motivo che va scoperto durante qualunque vacanza che si rispetti in questa meta poco al largo delle coste della Campania. In altre parole, durante il vostro prossimo viaggio, dovete assolutamente assaggiare gli speciali limoni di Procida.

  • L’isola. Il territorio di Procida presenta delle caratteristiche uniche. In particolare, il suo clima ha permesso di coltivare questa particolare varietà di limone. Per mantenere inalterati la forma, il colore, il profumo e il sapore dei limoni, gli agricoltori dell’isola utilizzano ancora tecniche di coltivazione tradizionali, tramandate di generazione in generazione da decenni.
  • Il prodotto. Il limone di Procida si distingue dagli altri limoni campani per le dimensioni del suo albedo (lo strato intermedio tra la scorza e la polpa), molto grosso e spesso, e dal sapore molto gradevole di tale parte, tanto che gli isolani lo chiamano anche “pane”. L’unicità di questo limone è completata dalla buccia spessa e porosa, e dal succo dall’inconfondibile profumo intenso e dalla piacevole acidità.
  • La ricetta. Per tutte le caratteristiche che abbiamo indicato, il limone di Procida trova largo utilizzo nella cucina tipica dell’isola. Ad esempio, la scorza è l’ingrediente principe del celebre limoncello, mentre il succo è la base delle rifrescanti granite. Ma per assaggiare appieno il sapore di questo prodotto tipico, allora dovete provare l’insalata di limoni di Procida.

Però, una cosa va detta: per scoprire il vero sapore dei limoni di Procida, dovete assaggiarli almeno una volta nella loro isola di origine. E per farlo vi basterà prenotare un viaggio in traghetto per Procida.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/cirox