pixel

I Misteri: una sentita e caratteristica tradizione della Pasqua a Procida

i Misteri di Procida

 

In occasione della Pasqua, vi piacerebbe trascorrere qualche giorno su una delle isole del golfo di Napoli: Procida. In questo caso, c’è un’antica e sentita tradizione da non perdere. Stiamo parlando dei Misteri.

  • Cosa sono. Con questo nome s’indicano dei carri allegorici a tema religioso che, di anno in anno, sono costruiti dagli abitanti dell’isola di Procida. Tali carri sono costituiti da tavole di legno di lunghezza variabile sulle quali sono installate statue che rappresentano scene e passi tratti dal Nuovo o dal Vecchio Testamento, in particolare della Passione di Cristo. Di solito, i materiali utilizzati per la realizzazione delle statue sono cartapesta, legno, plastica, polistirolo, stoffa.
  • Quando si svolge. I carri allegorici sono portati in processione dagli abitanti dell’isola. Quest’autentico rito si svolge tra il Giovedì e il Venerdì Santo nel borgo di Terra Murata (uno dei posti più belli di Procida). Le processioni cominciano alle prime luci dell’alba e terminano a Marina Grande, dopo aver attraversato le stradine e le piazzette del centro abitato di Procida.
  • Il corteo degli Apostoli. C’è anche un’altra tradizione che si svolge in questo particolare periodo dell’anno sull’isola di Procida: il corteo degli Apostoli. I protagonisti sono dodici confratelli della Congrega dei Bianchi che impersonano i dodici Apostoli. Con il capo coperto, s’incamminano per le strade del centro abitato. Si fermano in alcune chiese per il rito della lavanda dei piedi. Durante il cammino per le strade di Procida, agli Apostoli si aggiungono il Priore, i cerimonieri, il centurione.

I Misteri rendono ancora più speciale la Pasqua in questa splendida isola. E per assistervi basta fare una cosa molto semplice: prenotare un viaggio in traghetto per Procida.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/agharti