pixel

La ‘ndrezzata di Ischia: una danza, una tradizione, un’antica origine

‘Ndrezzata Buonopane

 

In dialetto ischitano, il nome significa, letteralmente, intrecciata. Ha delle origini antichissime e viene eseguita ancora oggi. Infatti, rappresenta una delle tradizioni più suggestive di Ischia. Stiamo parlando della celebre ‘ndrezzata.

 

Cosa

Si tratta di un canto rituale che viene recitato durante una danza. Danza che viene eseguita con spade e bastoni, i cosiddetti mazzarielli. Secondo la leggenda, la ‘ndrezzata sarebbe una danza praticata dalle Ninfe al ritmo di spade di legno battute dai Satiri su rudimentali manganelli. Ad accompagnarli, la melodia prodotta dalla cetra d’oro di Apollo.

Leggendo il testo della ‘ndrezzata, sono evidenti degli elementi che lo definiscono come un poemetto epico popolare nato nel Medioevo, al cui interno è possibile individuare:

  • Un peana (canto corale in onore di Apollo);
  • Un’elegia di tipo guerresco;
  • Un’elegia di tipo amoroso.

Quindi, le origini della ‘ndrezzata sono molto più antiche e risalgono alla cultura greca: per la precisione, ai primi coloni dell’Eubea che avevano fondato Pithecusa.

 

Dove

La ‘ndrezzata è una danza tipica di Buonopane, una frazione del comune di Barano d’Ischia. Tra l’altro, Buonopane è famosa propria per l’acqua curativa della sorgente Nitrodi, dove tradizionalmente la ‘ndrezzata era eseguita durante i giorni di festa o le ricorrenze più particolari.

 

Quando

Sempre da tradizione, la ‘ndrezzata viene eseguita, nella frazione di Buonopane, in due particolari momenti dell’anno:

  • Il primo è durante il lunedì di Pasqua;
  • Il secondo è il 24 giugno, durante i festeggiamenti in onore di San Giovanni.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/benedettobuono