pixel

Qual è l’origine del nome di Procida? Ci sono 4 teorie ricche di fascino

Procida origine del nome

 

È conosciuta come l’isola del Postino, delle piccole e accoglienti spiaggette, dei pittoreschi e suggestivi borghi marinari. Un’isola che gli antichi romani chiamavano Prochyta. Eppure, intorno all’origine del nome di Procida sono fiorite diverse ipotesi, alcune delle quali hanno radici che affondano nel mito.

  1. Dionigi d’Alicarnasso vuole che il nome dell’isola derivi da quello da una nutrice di Enea: l’eroe l’avrebbe sepolta qui quando approdò sull’isola.
  2. Ma Plinio ribatte: Prochyta, non ab Aeneae nutrice, sed quia profusa ab Aenaria est. Profusa è il participio del verbo profundo, che a sua volta deriverebbe dal verbo greco prochyo: Procida quindi sarebbe l’isola “messa fuori”, “sollevata” e poi messa in mare.
  3. Un’altra ipotesi vuole che il nome Procida derivi da Prima Cyme, ovvero “vicina, prossima a Cuma”. È così che l’isola doveva apparire ai coloni greci quando migrarono da Ischia fino a Cuma.
  4. Il verbo greco pròkeitai significa “giace”. Secondo questa ipotesi, il nome di Procida deriverebbe dal modo in cui essa appariva se vista dalla terraferma, “appoggiata” sul mare.

Tutte e quattro le teorie sull’origine del nome non fanno che aggiungere ulteriore fascino a una delle isole più belle del golfo di Napoli. Un’isola facile da visitare: basta solo prenotare il viaggio in traghetto o in aliscafo per Procida.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/s-e-r-g-e