pixel

Le curiosità sulla Scala Fenicia: come avere l’isola di Capri ai vostri piedi

Scala Fenicia Capri

 

La Scala Fenicia di Capri è uno dei punti panoramici più suggestivi dell’isola: oltre a essere di origini antichissime, si estende per un percorso di circa 2 chilometri ed è costituita da quasi mille gradini.

La sua storia nasconde tante curiosità che sarà interessante conoscere.

  • Il suo nome richiama origini fenicie, in realtà la scala fu costruita per opera dei Greci tra il VII e il VI secolo a.C. La gente del luogo, intorno al ‘600, attribuì la scala ai fenici per dare un maggior prestigio al luogo e all’intera isola.
  • La scala è un punto di connessione tra Marina Grande di Capri e Anacapri. Anticamente erano soprattutto le donne che attraversavano questa strada per trasportare l’acqua dalla sorgente di Truglio, presso Marina Grande, fino ad arrivare dall’altra parte dell’isola ad Anacapri. Gli uomini invece si occupavano delle attività agricole, dell’allevamento del bestiame e della pesca.
  • La Scala Fenicia di Capri rappresenta un percorso suggestivo molto amato da chi desidera camminare a piedi e assaporare il ritmo lento della vacanza. Lungo il percorso costituito da 971 gradini si trova la Cappella di Sant’Antonio da Padova, il santo protettore di Anacapri, anche detto protettore dei marinai per la presenza in quel luogo di un piccolo falò, punto di riferimento per i naviganti.
  • Questa scala era in passato l’unico modo per collegare i due punti principali dell’isola, Capri e Anacapri. Il percorso parte da Marina Grande nei pressi di Palazzo a Mare e termina ad Anacapri nei pressi della Villa di San Michele.
  • Alcune tappe della Scala Fenicia di Capri che meritano una visita: chiesa di S. Costanzo, la zona dette “sette croci”, la cappella di Sant’Antonio, la cappella di San Michele, la villa di San Michele.
  • Per percorrere tutta la scala ci vuole circa un’ora in salita e mezz’ora in discesa. Potrà sembrare strano ma è più semplice risalire la scala piuttosto che scendere.

 

Fonte immagine: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Capri_Widok_z_Ogrodu_Augusta.jpg#/media/File:Capri_Widok_z_Ogrodu_Augusta.jpg