La storica dimora caprese appartenuta a Compton Mackenzie

 

Quella che oggi è la sede del Museo della civiltà contadina a Cetrella nel comune di Anacapri, un tempo era la storica dimora dello scrittore Compton Mackenzie.

Scopriamo di più sul suo conto e sul suo amore per l’isola:

La casa museo oggi

La dimora che prendeva il nome di Villa Solitaria (ma conosciuta da tutti come casa Mackenzie), è stata costruita da Compton Mackenzie a partire dal 1918 e successivamente soggetta a un lungo restauro durato circa 10 anni a opera dell’Associazione “Amici di Cetrella” (che ne possiede il comodato d’uso), per essere finalmente riaperta al pubblico nel 2005.

Essa sorge nel Comune di Anacapri più esattamente nella località conosciuta Valletta di Cetrella ed è immersa nel verde. Oggi al suo interno è stato allestito il Museo della civiltà contadina che si compone di quattro sale espositive, custodisce una raccolta di ben 1000 oggetti appartenenti alla tradizione popolare utilizzati per coltivare la terra e allevare il bestiame, quando ancora non esistevano nemmeno i primi rudimentali macchinari agricoli.

Annesso al museo anche la mostra permanente dell’Irpino Vito Ferrante, lo scultore che lavora il ferro. Per chi desidera visitarla, una volta arrivati sull’isola e partendo da Cetrella nel Comune di Anacapri potranno seguire le indicazioni che conducono all’Eremo di Santa Maria sul Monte Solaro.

Cosa aspetti, prenota online uno dei traghetti per il Golfo di Napoli, raggiungi l’isola di Capri e visita di persona gli incantevoli angoli di quest’isola!

Il lungo soggiorno di Compton Mackenzie sull’isola

Il britannico Edward Montague Compton Mackenzie di origini scozzesi classe 1883, è stato un celebre scrittore (fece parte anche dei servizi segreti per conto di sua Maestà la Regina di Inghilterra), tra le sue opere più apprezzate ricordiamo: The Passionate Elopement (1911), Carnival (1912), Sinister Street (1913), Extremes Meet (1928), Rockets Galore (1957), Whisky Galore (1947), per citarne alcuni.

Egli trascorse gli anni dal 1913 al 1924 a Capri assieme a Faith Stone (all’epoca sua moglie) inizialmente mosso dalla pura curiosità che lo portò poi a scegliere di vivere qui per 11 lunghi anni e di costruirvi la sua casa. La tranquillità del posto e la bellezza dei suoi paesaggi contribuirono al suo estro creativo, il suo amore per l’isola era tale che due dei suoi romanzi infatti sono ambientati proprio a Capri: Vestal Fire e Extraordinary Women (ispirato a una donna lesbica arrivata sull’isola).

Photo Credits:

Foto di Alvin Langdon Coburn da Wikimedia

Articoli correlati

20 Febbraio 2024

Posti da visitare

Itinerario per visitare la costiera amalfitana in un solo weekend

19 Settembre 2023

Posti da visitare

Cosa vedere ai Campi Flegrei: i luoghi imperdibili

11 Agosto 2023

Posti da visitare

Una passeggiata al Parco Astarita di Capri

Prenota su TraghettiPer e viaggia in traghetto al miglior prezzo

Metodi di pagamento
Certificazioni